Festival Petronio Alvarez – Musica Afrocolombiana a Cali

Il Petronio Alvarez è il principale festival della musica e cultura afrocolombiana e si svolge ad Agosto nella città di Cali. Una settimana di concerti, esposizioni, dibattiti piatti tipici e liquori tradizionali del Pacifico Colombiano.

Musica Afrocolombiana

Il festival è gratuito e inizia col cosiddetto Petronito, una giornata di gruppi musicali di bambini è continua poi con i gruppi dei grandi, che spesso sono costituiti da delle autentiche vecchiette con voci poderose e un po graffianti.

Sia i gruppi che il pubblico vengono da ogni angolo del Pacifico e il festival è tra l’altro un momento di incontro delle comunità tra chi ha lasciato le terre tradizioli per colpa della violenza, e chi ancora resiste.

La musica afrocolombiana è un incrocio di ritmi africani e melodie latinoamericane che si divide in una varietá di generi, tra cui il piú noto é il Currulao. I gruppi non si limitano solo a suonare ma mettono in atto vere e proprie cerimonie tradizionali come il canto funebre e la ninna nanna.

Al festival Petronio Alvaréz con Luciana, la sua amica e Yeison

Piatti e liquori tipici

Tutta una parte del festival Petronio Alvarez è costituita da bancarelle che propongono cibi tradizionali: pescao sudao (pesce sudato, cioé al forno), encoccao (al cocco), cockail di gamberetti e così via.

La birra e altri alcolici standard sono rigorosamente assenti. Qui si beve solo il biche ( superalcolico trasparente a base di canna da zucchero) e tutte le sue possibili variazioni. Tra queste la più famosa è l arrechon, una crema di Latte, biche, cannella e altre speziette da un rinomato effetto afrodisiaco che gli vale il nome arrechon (arrizzante), Spalanca-gambe, ecc.

Poi c’è la crema di biche, il piccantissimo pipilongo, la dolce tomasecca e il mio preferito, il curado, un infuso forte e amaro di biche erbe mediche.

Il divertente è che siccome sono liquori fatti in casa sono tutti diversi e puoi andare da una bancarella all’altra provandoli fino a che che non trovi il tuo preferito, o che sei già brillo!

Il famoso “arrechón”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *