Kefir

Dove trovare il Kefir a Roma, e soprattutto, cos’é il Kefir?

Innanzitutto io ce l’ho e chi lo vuole mi puó contattare e glielo do volentieri e gratis. (per ora zona Flaminio)

Il kefir é un tipo di yogurt che proviene dal Caucaso (la tradizione vuole che l’abbia portato Maometto) che si puó fare in casa aggiugendo al latte i grani di kefir, che sono tipo dei funghetti bianchi e mollicci.

Una volta che stanno nel latte, oltre a riprodursi trasformano il latte in yogurt creando ogni sorta di fermento e lactobacillo utile alla salute (vedi la microflora specifica). In particolare é ottimo per chi é intollerante al lattosio, dato che lo scompone completamente, ma anche per chi soffre di candidosi, staphylocuccus aureus e in generale scompensazione della flora intestinale (per esempio a seguito di antibiotici).

Il sapore é un pa acido, a me paice moltissimo ma capisco che non faccia per tutti.

come si fa il kefir?

Sempliccisimo, una volta che hai i grani di kefir, li metti ammollo nel latte intero e freddo (o tiepido, ma non bollente se no li cuoci!) per qualche giorno finché non vedi che si crea come del siero trasparente.

kefir con il siero trasparente

A questo punto prendi un passino e scoli via tutto il siero (la parte trasparente) e lo butti perché é molto acido. A quel punto con un cucchiaio fai fai schiacci il tutto finché il kefir scende giú (ed é pronto) mentre i grani rimangono nel passino.

vai di passino

Sciacqui i grani in acqua corrente fredda, dai una pulita al barattolo o contenitore dove li tieni (meglio se in vetro) e ce li rimetti, aggiungendo il latte (occhio a non metteren troppo sennó si sentono in soggezione). Infatti, ricordati che sono come degli animaletti, vanno trattati bene, con amore e soprattutto devono respirare, per cui ricordati di lasciare il parattolo aperto o coperto con un telo.

il ciclo ricomincia

Ah come dicevo prima, i funghetti si riproducono e crescono in quantitá, al momento giusto ne potete regalare un po in giro, finché il Kefir non conquisterá il mondo!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *